Casa del commiato: storia e origini dell’industria funeraria

Casa del commiato: storia e origini dell’industria funeraria

Sebbene le origini dell’industria funeraria risalgano a centinaia di anni fa, la pratica è relativamente nuova in Italia. Durante le guerre, i primi becchini hanno svolto un ruolo fondamentale trasportando i caduti della nazione nelle loro case. Oggi le pompe funebri sono gestite da quattro grandi operatori, ciascuno con una storia che abbraccia secoli. Ogni casa del commiatoè unicae affonda le sue radici nel 18° secolo.

La storia della casa del commiato

Il concetto di imbalsamazione e la modernizzazione delle pratiche funebri hanno cambiato il modo in cui operava l’industria. I corpi imbalsamati potevano essere trasportati ed esposti. Man mano che il pubblico italiano è diventato più urbanizzato e più scientifico, il ruolo dei becchini è diventato più limitato. Quest’ultimi avrebbero trasportato il corpo all’impresa di pompe funebri. All’inizio del XX secolo, l’ascesa dell’industria italiana portò a un drammatico aumento del numero di pompe funebri.

Negli anni ’60 dell’800, il settore ha subito enormi cambiamenti. Quando l’opinione pubblica è cambiata, anche i servizi offerti sono cambiati. Le case del commiato iniziarono ad offrire consulenza sul lutto. L’industria funeraria ha iniziato ad adattarsi a questi nuovi servizi e ad espandere la propria base di clienti.

 

L’invenzione delle bare funerarie

Fino al 1900, le persone venivano sepolte solo in un sudario (noto anche come lenzuolo avvolgente) o in una bara a 6 lati. La bara, quel rettangolo a cui pensiamo oggi, è arrivata in ritardo sulla scena. La bara a 6 lati è stata favorita perché la sua forma speciale teneva il corpo comodamente in posizione, riducendo al minimo il problema dello spostamento del peso. Forse ancora più importante, la bara a 6 lati (chiamata anche “toe pincher”) ha permesso alle famigliaedi tagliare letteralmente gli angoli assottigliando il rettangolo ad entrambe le estremità. Ciò significa che la scatola occupava meno area di un rettangolo, quindi c’era meno sporco da spostare quando si scavava a mano la fossa.

Info sull'autore

editor editor